Teresina all'Eredità

 TERESINA-TRECCE-DI-GRANO ALL’EREDITA’ 

Il dietro le quinte attraverso lo sguardo incantato di un’adolescente.

TeresinaOre 8.30, compito di algebra.

Ore 10.30, interrogazione di storia.

“E sia ben inteso, ragazzi” scimmiottando la voce della Prof. Capelli-di-stoppa-muso-di-furetto “tutto il programma dell’ultimo quadrimestre, e non un paragrafo di meno!”. Compresa quella martellata sulle dita che è la Battaglia di Lepanto.

“Ah, che noia planetaria! Dai che mi rimetto sotto… Lo schieramento cristiano cattolico si componeva di 28 galee e di 2 galeazze veneziane, 15 galee spagnole e napoletane, 8 galee genovesi, 7 galee toscane sotto le insegne pontificie, 3 maltesi… che barbaaaa, mi si chiudono i fari”.

Si stira come un gatto, sbadiglia per l’ennesima volta e per la centoventitreeesima volta controlla la lancetta grande dell’orologio. Tra meno di un’ora sua madre entrerà da quella porta con la borsa della spesa in mano, le andrà incontro col suo sorriso risplendente di mamma moderna che comprende le esigenze e gli sbalzi umorali della figlia adolescente (che truzza, non fa che leggere quelle stupide rubriche in cui mamme disorientate s’inchinano all’esperto di turno pur di conoscere i trucchi sul come dialogare con la figlia noista e incazzosa, e bla bla bla) e le porgerà la fatidica domanda: allora, la mia piccolina è pronta per l’interrogazione di domani?

“UUfffff, allora, dove ero rimasta… Lo comandava Don Giovanni d’Austria, figlio illegittimo del defunto imperatore Carlo V e fratellastro del regnante Filippo II, aveva già dato ottima prova di sé nel 1568 contro i pirati barbareschi… Aaah, i pirati barba… reschi. E chi se ne frega dei pirati, perché si davano tanto da fare per uno straccio di acqua salata?”.

Leggi tutto: Teresina all'Eredità