Di ombra ti avevo vestita

 
 
Di ombra ti avevo vestita
Di sole ti avevo riflessa
Con qualche vana promessa
Ora, tu te ne resti
Rivestita di stracci
Svestita dai veli
Attorniata d’amanti
Che non ti hanno voluta.
 
Non ti ho veduta per anni
Ma alla gente sempre ho chiesto di te
Sulla mia ruota di criceto
Bianca impazzita
Nel silenzio invano ti ho attesa.
 
Poi, mi sei riapparsa
Coi capelli tinti di sole
Liberata dell’ombra funesta
Più bella del dopo l’amore
Spavalda nei fianchi
Affamata dai tuoi teneri amanti.
 
Come in un lago muto d’affanno
Tu mi guardi
Già stanca di me
Mentre tra le tue gambe
Io precipito a fondo.