Nuda per i tuoi occhi verdi

9,99
2016
Visite: 639

Recensione

Scritto da Teresa Giulietti

Laura è una bella sceneggiatrice parmigiana che scrive storie per far sognare le altre donne. Vive nel suo appartamento bianco e rosa appartenuto ad una vecchia Contessa. E’ incastonato come una pietra antica tra i negozietti di antiquariato, il cuore della sua piccola città che lei esplora dalla finestra in cerca di ispirazione e dei ‘ragazzi del venerdì’. Con lei abita Ginevra, una gattina trovatella bianca e nera dalla coda lunghissima. Laura ama Francesco, uomo arguto e intelligente quanto sfuggente. Questo sentimento totalizzante, senza condizioni, spaventa entrambi. Lui, dopo l’amore più travolgente, esce da quella casa e sparisce per settimane, mesi. Eppure, condividono grandi sogni, si riconoscono nella stessa musica, nell’arte che diverte, e nella creatività sensoriale che sperimentano col sesso. Sognano un mondo in cui anche gli animali abbiano dei diritti, ognuno con i propri mezzi s’impegna per far si che il sogno divenga al più presto realtà. Di lui Laura sa davvero pochissimo, si sono conosciuti a Venezia ad una mostra di quadri fatti con le lacrime, il suo lavoro di imprenditore ‘alla sua maniera’ lo tiene lontano dalla sua città, mentre le giornate di Laura si sfogliano come le pagine dei libri erotici che le regala il Prof. un vecchio signore che abita sul suo stesso pianerottolo e che vive soffocato tra i libri d’Asia e le sue fantasie. Sbuca come una talpa all’arrivo dei suoi giovani amanti, i ragazzi che lei sceglie da dietro la finestra, in reggiseno di pizzo, senza mutandine. Questo è il passatempo con cui la Laura scrittrice tenta di domare il vuoto che le grida dentro; così come gli incontri con June, la bella scultrice franco tunisina, una copia di Frida Kahlo, che la inizia al sesso saffico. Succede come nei suoi racconti, in maniera fluida, naturale, tocco dopo tocco, tra gli aromi del narghilè e i busti di argilla lasciati a metà. Ma il desiderio per Francesco diventa la sua ragione di vita, nonostante si tenga impegnata in lunghe masturbazioni, scandite dalla loro musica e dalla presenza dei suoi amanti immaginari. Sarà la comune passione per il sesso creativo e per la grande causa animalista a farli riavvicinare. Insieme a Samantha, cara amica di Laura, ex indossatrice di grido, riusciranno a dar vita ad un evento grandioso, sfidando i controlli e le buone tradizioni emiliane. Lo Tsunami animalista, una contro risposta al Festival del prosciutto parmigiano. E una rivoluzionaria sfilata di moda lungo le vie della città, all’insegna del fashion animal friendly ed eco sostenibile. La riuscita di queste grandiose imprese investirà Francesco di una nuova intraprendenza, nel giro di pochissimo tempo lascerà il suo passato, un matrimonio stantio, le più radicate incertezze, per viversi il suo presente con Laura. Insieme andranno alla ricerca della Meraviglia del Nulla a bordo di una mongolfiera turchese.